Brexit e Cannabis: la situación en el Regno Unito

Brexit e Cannabis: la situación en el Regno Unito

L'Europa vive una fase di incertezza politica, Brexit cioè la decisione del Regno Unito di uscire dall'Europa economica e finanziar potrebbe avere ripercussioni anche sul mondo della Cannabis.

 

Per i gruppi politici che in maniera trasversale sostenevano un'iniziativa di proposta di legge il cammino ricomincia da capo e si prospetta più tortuoso che mai.


Cambieranno le regole perché il Regno Unito non farà più parte del trattato di Schengen per il libero scambio e trasporto di persone e sostanze.


Se lo escenario futuro non appare roseo c'è un sondaggio che invece prospetta altre ipotesi perché secondo un'inchiesta della società Populus per il magazine VolteFace il 58% dei parlamentari britannici si è espresso in maniera favorevole circa la legalizzazione della marijuana medica.


Tra i partiti emergen che l''88% percento dei parlamentari del Partito Nazionale Scozzese è favorevole, così come il 60% dei parlamentari laburisti e il 55% di quelli conservatori.


Nonostante i numeri non è mai stato dato il sostegno ufficiale per realizzare un'apposita legge, al contrario dei Verdi e dei Liberal Democratici che in questi anni si sono battuti in difesa dei pazienti.


Sarebbero un milione le persone che nel Regno Unito fanno uso di Marijuna a fini terapeutici ma il vuoto legislativo pone migliaia di pazienti nello status du “fuori legge”.


A tal propositi è stata lanciata una petizione sul tema, "Poner fin a nuestro dolor", “Spegnete il nostro dolore”, che ha raccolto milioni di firme affinché i medici possano prescrivere ai propri pazienti una terapia basata sui principi della Cannabis. Pacientes, no criminales.

0 comentarios

Escribir un comentario

Los comentarios son moderados